Ooak Barbie

Il lato “B” delle Barbie #2

Tempo di lettura stimato: 3 minuti.

Ricapitolando

Nel precedente articolo Il lato “B” delle Barbie abbiamo considerato tre delle sette modalità d’uso delle Barbie riscontrate sulla piattaforma Flickr.
Facciamo un breve riassunto, giusto per rispolverare la memoria!

Socialità

I consumatori rendono pubbliche le proprie collezioni di bambole postando su Flickr le proprie foto. Si costituisce così uno spazio animato da eventi rituali periodici, in cui le persone comunicano agli altri utenti i propri significati, chiedendone implicitamente l’approvazione.

Creatività

Gli utenti su Flickr mostrano le proprie fabbricazioni attraverso le immagini delle riproduzioni delle Barbie vestite con abiti prodotti dalle loro stesse mani. L’esempio per eccellenza sono le Barbie Ooak: un vero e proprio processo di restyling e personalizzazione della bambola attuato affinché si crei un prodotto unico.

Trasgressione

Un uso altrettanto creativo della Barbie ma a carattere trasgressivo. In questo campo rientrano le “Barbie alterate”, una deriva sovversiva delle Ooak.

Le modalità d’uso delle Barbie su Flickr #2

Ricordo che con lato “B” non intendo il “sedere” della bambola della Mattel, ma mi riferisco a tutte le modalità alternative in cui viene impiegata la paladina bionda in rete, in questo caso sulla piattaforma Flickr.
Analizziamo le restanti 4 modalità d’uso!

Narrazione

Flickr si propone come spazio narrativo. La Barbie prende le vesti di un’attrice e gli utenti si trasformano in registi e sceneggiatori. Solitamente la narrazione viene rappresentata in un’unica fotografia – fumetto in cui si narra la storia attraverso immagini e vignette. Sono un esempio le storie delle Barbie salvate dal degrado o narrazioni dal carattere sentimentale, sessuale, ironico o trasgressivo. Da citare sono le fiabe costruite sul format del fotoromanzo a puntate di un’utente italiana creatrice di Ooak.

Stella. Come nasce una Ooak, di Macinino Magico.

Stella. Come nasce una Ooak, di Macinino Magico.

Gioco

Con lo spazio narrativo si intreccia lo spazio ludico che prevede però un piano di interattività e complessità maggiore rispetto alle precedenti modalità d’uso. La pratica del gioco si articola attraverso la serialità e i rimandi tra gli utenti, attuati sia con fotografie proprie che con commenti alle immagini pubblicate da altri nei rispettivi profili.
Un esempio sono le love story cyborg tra Armageddon – Barbie e R2-D2: una storia costruita da due utenti proprietari dei rispettivi protagonisti, che dialogano tra loro attraverso immagini.

L'uso ludico di Barbie in Flickr: "A Love Story"; © Sabine's fotos.

L’uso ludico di Barbie in Flickr: “A Love Story”; © Sabine’s fotos.

Le modalità d’uso di socialità, creatività, trasgressione, narrazione e gioco sono le modalità d’uso che si pongono sul piano della formalità delle pratiche.
Passiamo ora ad analizzare le pratiche che fanno riferimento al piano del significato ovvero la costruzione identitaria e la critica culturale.

Costruzione Identitaria

Flickr viene utilizzato dagli utenti anche come luogo di costruzione identitaria e di autorappresentazione. Le Barbie si trasformano in avatar degli utenti, diventando portatrici di significati intimi dello stesso in modo più o meno esplicito e consapevole. Facciamo riferimento agli autoritratti mediati dalle Barbie che sottolineano i significati critici o positivi costruiti dalla bambola Mattel, come i caratteri di fashion victim e dell’ideale estetico irrealistico.

Critica Culturale

L’ultima modalità d’uso è quella che vede Flickr come spazio per produrre cultura, soprattutto riguardo alla critica verso la cultura mainstream. Nel nostro caso specifico facciamo riferimento alle critiche mosse sui significati incarnati dalla bambola della Mattel. La Barbie è oggetto di numerose controversie riguardanti i significati del corpo della donna, della maternità, della femminilità e della bellezza. Scalpore e scandalo ha suscitato la Barbie in evidente stato di gravidanza: la pancia magnetica che si stacca facendo pensare a un improbabile cesareo, il bambino già presente nel ventre materno, gli slip disegnati e un ventre già super piatto dopo il parto. L’icona della Barbie stimola dibattiti anche riguardo all’ideale della bellezza imposta al corpo delle donne e al ruolo della chirurgia plastica riguardo agli standard femminili imposti ai corpi delle donne. All’interno di queste accese conversazioni si riescono a delineare i confini leciti dell’area semantica della Barbie oltre ai quali è bene non spingersi per evitare lo scandalo.

Barbie

Good Barbie, Bad Barbie di © Amanda Brooks Photography 2008.

Conclusioni

L’analisi di queste pratiche mette in evidenza il carattere tattico delle azioni dei consumatori all’interno della rete. Con carattere tattico faccio riferimento alla definizione di “tattiche” proposto da De Certeau in opposizione alle “strategie” provenienti dall’alto della produzione.
In conclusione si può affermare che l’evoluzione del Web offre un’occasione di rivincita ai consumatori: la conquista di un luogo proprio di espressione, uno spazio in cui poter capitalizzare la propria autonomia nei giudizi, nei valori e nei significati da poter condividere con gli altri. Flickr e la rete in generale si configurano quindi come uno spazio di presa di parola, sia collettiva sia individuale, che permette di dare ordine e senso al mondo a partire dal basso.

Fonti: