Chiara Ferragni fashion blogger and influencer

Hashtag #adv: il ruolo dell’ Influencer Marketing

Tempo di lettura stimato: 2 minuti.

Avete mai sentito parlare di pubblicità occulte su Instagram?
E’ un argomento molto discusso nell’ultimo periodo, per questo motivo abbiamo deciso di fare un punto della situazione.

Partiamo col definire chi sono i principali attori coinvolti in questa pratica di pubblicità “nascosta” e quali sono le loro funzioni principali sui social.

Chiara Ferragni influencer e fashion blogger

Il ruolo degli influencer

Il mondo della pubblicità al giorno d’oggi è sempre più controllato e influenzato dagli influencer, una categoria di semplici uomini e donne così importanti da avere migliaia o milioni di seguaci.
Politici, attori, sportivi o padri di famiglia, chiunque può diventare un influencer perché ciò che lo rende tale è la sua capacità di creare dei contenuti di interesse condiviso da una comunità, ciò che conta è solo avere visibilità.

Chiara Ferragni influencer e Donatella Versace

Cos’è l’Influencer marketing?

Grazie al web 2.0, caratterizzato dalla presenza dei social network, gli utenti in rete possono essere a stretto contatto con i propri idoli e i propri modelli, garantendo loro di conseguenza il potere di essere ascoltati contemporaneamente in tutto il mondo e in qualsiasi momento della giornata.
Da questa opportunità di comunicazione nasce l’influencer marketing, basato sull’autenticità, l’ispirazione e lo storytelling. Questa pratica conta sull’associazione di un prodotto o un marchio alla reputazione del “testimonial” in modo da implementarne la brand value.

Influencer Chiara Ferragni

Mai maltrattare un follower

Il principio su cui si basa la comunicazione tra influencer e i suoi follower è quello della fiducia, perché il rapporto che si instaura tra di essi è di amicizia e rispetto. Infatti gli utenti in rete si rivolgono ai loro beniamini come se fossero amici a cui chiedere aiuto o consigli.
È perciò indispensabile non tradire mai la fiducia di un follower, che potrebbe in tal caso allontanarsi e non seguire più l’influencer, diminuendo di fatto la sua portata e di conseguenza il suo potere.
Al fine di evitare che ciò accada è essenziale che il contenuto del messaggio non sia commerciale e organizzato ma assolutamente spontaneo, affinché non assomigli a una pubblicità occulta.

È indispensabile salvaguardare gli utenti in rete

Sorge spontaneo il dubbio se gli influencer sponsorizzino un prodotto perché vogliono consigliarlo ai loro follower, in quanto veramente credono che esso sia di ottima qualità, o perché sono stati ricompensati dall’azienda che lo produce attraverso uno scambio merci o una remunerazione economica.

In molti paesi esiste già una severa regolamentazione dell’ influencer marketing, nel tentativo di eliminare qualsiasi forma di comunicazione occulta. Infatti il 24/07/2017 l’AGCM (ovvero l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), in collaborazione con il Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, ha contattato i principali brand e influencer per comunicare loro di rendere esplicita ogni forma di pubblicità derivata da una collaborazione commerciale, in modo da poter rendere più chiari i propri intenti.

È stato sancito l’impiego obbligatorio di hashtag come #adv, #pubblicità o #sponsored, seguito dal nome del brand sponsorizzante in qualsiasi contenuto commerciale dagli influencer, più specificatamente in quei casi in cui vi è una remunerazione economica, se l’ influencer è un socio del marchio pubblicizzato, se ricava utili o percentuali dovuti ad interessi derivanti dalla vendita del prodotto o, infine, anche se il “testimonial” riceve il prodotto (viaggi, auto, soggiorni, oggetti) a titolo gratuito in cambio di pubblicità.

Speriamo di avervi chiarito qualche dubbio su questo attuale argomento. A noi queste informazioni sono state molto utili per ottimizzare al meglio le collaborazioni tra i nostri clienti e gli instagrammers con cui hanno contatti.

Avete altri dubbi?

Non esitate a inviarci una mail!