Il Portfolio di Immaginificio

Lavori creativi, ecco i migliori esempi di siti con portfolio #2

Tempo di lettura stimato: 3 minuti.

La settimana scorsa vi abbiamo mostrato i primi 5 migliori esempi di siti con portfolio, utili se volete prendere ispirazione per presentare i vostri lavori in maniera accattivante. Oggi vorremmo mostrarvi altri esempi, così come vi avevamo promesso (perché noi siamo di parola! 😛 ).

Kenji Saito

Screenshot del portfolio di Kenji Saito
Iniziamo subito col mostrarvi il sito di Kenji Saito, un creativo e sviluppatore front-end che ha deciso di presentare i propri lavori con delle CodePens, ossia delle immagini in movimento che sono il risultato della scrittura di codici. Saito non è certo stato il primo a utilizzarle, ma è riuscito a presentarle in maniera davvero accattivante: sulla home del suo sito scorrono tutte le immagini dei lavori e, cliccando su una di esse, è possibile visualizzarle a schermo intero in tutto il loro movimento. E ce ne sono oltre settanta!

Irene Demetri

Screenshot del portfolio di Irene Demetri
Irene Demetri è una designer freelance con un portfolio interattivo davvero originale di cui ci siamo subito innamorati. Ogni riquadro della sua homepage presenta dei piccoli contenuti interattivi che si muovono al passaggio del mouse, così come il menu che compare da un pulsante in alto al centro. Irene ha usato lo stesso stile di presentazione anche per i suoi lavori, elencati in ordine verticale con poche informazioni fornite per lo più con icone e simboli. Le immagini del progetto sono visionabili nella parte destra dello schermo ma, più che compensare la carenza di informazioni, forniscono una visualizzazione dei progetti sui vari dispositivi per i quali sono stati realizzati.

Guillaume Juvenet

Screenshot del portfolio di Guillaume Juvenet
Guillaume Juvenet è un creative developer parigino con un portfolio così particolare che non poteva assolutamente non essere menzionato in questo elenco!
Per navigare sul sito-portfolio di Guillaume devi necessariamente spostare un piccolo robot che scorre da sinistra verso destra e ogni movimento ti permette di visualizzare nuove brevi informazioni sulle sue competenze, comprese quelle più tecniche che sono scritte in una finestra come se fossero delle righe di codice.
La parte dedicata alla descrizione dei suoi progetti è un po’ carente di informazioni: per vedere le immagini dei progetti bisogna accedere alle sezioni dedicate, ma con un portfolio così accattivante è impossibile non incuriosirsi!

Mike Kus

Screenshot del portfolio di Mike Kus
Dopo una piccola deviazione, torniamo a vedere qualche portfolio più tradizionale ma non meno efficace. Mike Kus è un fotografo e graphic designer originario del Regno Unito specializzato in branding e user interface. Il suo sito di presentazione è un perfetto esempio di portfolio apparentemente moderno che presenta i lavori attraverso una serie di tessere che formano un mosaico su tutta la pagina. Balza subito all’occhio la particolare attenzione per i dettagli. La sua pagina dei contatti è un ottimo esempio di presentazione personale, che rispetta perfettamente lo stile della pagina mostrando allo stesso tempo la sua professionalità.
Per quanto riguarda il portfolio nello specifico, muovendo il mouse su ogni tessera è possibile visualizzare delle info aggiuntive sui lavori e cliccando su una tessera specifica si accede alla pagina con tutti i dettagli. Tutte le grafiche sono piene di colori e davvero attraenti.

One Design Company

Screenshot del portfolio di One Design Company
Il sito web di One Design Company è un altro esempio di portfolio tradizionale con piccole accortezze che lo rendono esemplare. La homepage utilizza colori caldi e animazioni semplici su uno schema, anche qui, basato su un design ‘card-based’.
Anche i progetti sono presentati con lo stesso stile: colori ad alto contrasto e brevi spiegazioni accompagnate da grafiche di altissima qualità. Il card-based design, come potete notare, è molto utilizzato sui siti di portfolio perché è semplice e funziona. Infatti, i siti basati su un layout di questo tipo ispirano un senso di professionalità e capacità espositiva.
La pagina di One Design Company dimostra che non è necessario sacrificare la creatività a favore della professionalità, ma le due caratteristiche possono convivere sapientemente.

Conclusioni

Un portfolio ben fatto (come il nostro :P) vi aprirà un sacco di porte, molte più di quante possa aprirne un curriculum scritto bene. Questo non significa che non dovete continuare ad accrescere le vostre competenze, ma che non dovete dimenticare che un buon lavoro dipende dal giusto connubio di apprendimento e di esperienze lavorative.

Tornando un attimo alle caratteristiche di un portfolio esemplare, vi elenchiamo quelle che secondo noi sono le più importanti:

  • Esaustività: un buon portfolio deve contenere tutte le informazioni relative ai contatti e alle competenze;
  • Visivamente accattivante: ciò che deve colpire l’occhio di chi guarda il vostro portfolio è la creatività nell’organizzazione dei contenuti;
  • Conciso: meglio non inserire lunghe descrizioni dei progetti, a meno che non siano davvero così eccezionali.

Allora, vi sentite abbastanza ispirati? Mi raccomando, fate vedere quanto siete professionali e non dimenticatevi di essere creativi, ma con semplicità, mi raccomando! 😉