Creative brainstorming

Che il brainstorming sia con voi… e con noi!

Tempo di lettura stimato: 2 minuti.

Che cos’è il brainstorming ? Il brainstorming è una tecnica creativa di gruppo che ha come obiettivo la risoluzione di un problema. Come ogni concetto o idea di spessore dietro vi si nasconde sempre qualcuno o qualcosa di altrettanto importante. Fu infatti il famoso pubblicitario Alex Faickney Osborn a inventare questo metodo, che si diffuse dal 1957 in poi grazie al libro Applied Immagination. A.Osborn fondò una delle agenzie pubblicitarie più importanti al mondo, la BBDO. (Cliccate sul link per farvi un’idea…)

Osborn brainstorming

Il metodo brainstorming si basa sul gioco creativo di associazione di idee. L’obiettivo finale è identificare diverse e possibili idee/soluzioni per risolvere un problema. La forza del gruppo è proprio quella di stimolare idee su idee: all’idea di un singolo ne possono essere collegate altre fino all’identificazione di quella perfetta. Le tecniche di brainstorming possono essere applicate in diversi modi e diversi campi, anche se quello della pubblicità è quello più specifico e di riferimento.

Le 4 regole fondamentali del brainstorming

  1. Lavorare “di divergenza”: in questa fase è fondamentale non criticare mai le idee degli altri anche se possono sembrare sbagliate, fuori tema o non belle. Soltanto successivamente, lavorando “di convergenza” si procederà all’esclusione delle idee meno attinenti e meno “strong”. La forza di questo metodo è proprio quello di accumulare idee su cui lavorare e da cui far fuoriuscire il concept perfetto.
  2. Lavorare sulla quantità: la seconda regola fondamentale è lavorare sulla quantità. Nel brainstorming, soprattutto nelle prime fasi non si ci sofferma sulla qualità di un’idea ma sul “mettere in tavola” più idee possibili. Solo alla fine si procederà ad una selezione più specifica.
  3. Non bocciare mai idee che possono sembrare insolite o strampalate: è proprio da idee non convenzionali che possono fuoriuscire quelle perfette e adatte per uno specifico brief.
  4. Associazionismo: combinare idee è il metodo perfetto per arrivare alla soluzione ideale. Un tuo spunto può essere di riferimento per l’ispirazione di qualcun altro.

creative brainstorming

Suggerimenti importanti

  • È importante identificare nel gruppo un moderatore per “dirigere” l’attività ed evitare troppo caos.
  • È consigliato un brainstorming con i post-it per far sì che anche i più timidi possano esporsi. Tutti gli spunti verranno scritti su post-it anonimi  che verranno successivamente letti.
  • Usare mappe mentali. Questa tecnica potrebbe aiutare a mettere giù uno schema più chiaro delle idee.
  • Non porre limiti alla creatività

Creative brainstorming

C’è qualcuno a cui non piace…

C’è qualcuno che non è d’accordo. Nonostante l’importanza e l’essenzialità di questo metodo c’è qualcuno a cui il brainstorming non va a genio per una serie di motivazioni. È il caso quindi di concludere il nostro approfondimento linkando un articolo di qualche anno fa di Annamaria Testa. Potete trovarlo qui, e ragionare su quanto questo metodo possa o non possa essere efficace. Qui invece, potete trovare un altro articolo del 2015 in cui la Testa rivaluta e rielabora il suo pensiero sul brainstorming. Dateci un’occhiata e ragionateci su!

Al prossimo articolo, e che il brainstorming sia con voi!